Un anno dopo il lancio dei Contrat à Impact Social

A quasi un anno dal lancio dell’iniziativa dei Contrat à Impact Social francesi e dal lancio del primo bando per selezionare idee progettuali ad alto impatto sociale, 2 Contrat sono stati firmati e 3 progetti sono in fase di contrattualizzazione. I Contrat à Impact Social sono degli strumenti Pay for Success nei quali la Pubblica Amministrazione si impegna a  pagare, e in alcuni casi anche a premiare, programmi sociali gestiti e finanziati da privati in proporzione al raggiungimento dei risultati sociali prefissati e in seguito alla misurazione dell’impatto sociale prodotto.

In totale nel 2016, ben 38 proposte progettuali sono state raccolte dal Comitato di Selezione che, oltre ai 5 progetti già menzionati e giunti in fase di implementazione, ha selezionato altre 6 proposte ritenute valide per il loro alto livello di innovazione e per il grado avanzato di sviluppo.

Per ognuno di questi 6 progetti è stata avviata un’ulteriore fase istruttoria, che servirà a determinare se vi sono le condizioni per attivare dei contratti su queste sperimentazioni che coinvolgeranno la Pubblica Amministrazione, l’organizzazione sociale ed un finanziatore privato.

La maggior parte di queste proposte si focalizza sulla questione dell’inclusione lavorativa: l’organizzazione Aitre propone per gli utenti delle sue residenze sociali un programma di accompagnamento nella ricerca di un lavoro stabile; Le Cravate Solidarie vuole creare un luogo, aperto a coloro in cerca di un impiego, dove prepararsi per i colloqui e dove trovare abiti e strumenti adatti per sostenere delle interviste di lavoro; Wimoov intende migliorare l’accesso al mercato del lavoro attraverso un portale on line dove esperti offrono un accompagnamento via telefono o internet; Solidarités Nouvelles punta a coinvolgere una fascia di popolazione disoccupata in un programma di impieghi solidali con lo scopo di facilitare il loro rinserimento nel mondo del lavoro.

Vi è anche altro, però, oltre all’inclusione lavorativa: il progetto presentato da Medicins du Monde ha l’obiettivo di creare un’alternativa al carcere per i condannati con gravi problemi psichici o fisici attraverso alloggi e servizi di accompagnamento. Invece l’organizzazione Action Tank Enterprise & Pauvreté intende restaurare 20 cooperative abitative in stato di degrado, senza generare un onere eccessivo per i residenti.

Il termine per inviare le proposte progettuali è scaduto il 1° febbraio, entro il 30 marzo il Comitato di Selezione avrà scelto i progetti adatti per divenire dei Contrat à Impact Social.

Una volta firmato il Contrat, secondo il classico schema degli strumenti Pay for Success, l’investitore privato potrà erogare i fondi per sostenere il programma, mentre un ente esterno valuterà i risultati sociali dell’iniziativa e in caso di successo la Pubblica Amministrazione rimborserà l’investitore.