Education in Africa cannot wait!

UN MILIARDO DI DOLLARI PER L’EDUCAZIONE IN AFRICA E MEDIORIENTE:
IN ITALIA LA PRESENTAZIONE DEL FONDO CONTRO LE POVERTÀ EDUCATIVE PROMOSSO DAL GSG

Mercoledì 3 aprile l’ex ministro tunisino e oggi CEO dell’Education Outcomes Fund per Africa e Medio Oriente, Amel Karboul, sarà a Roma per presentare i progetti sostenuti dal Fondo

Il 3 aprile a RomaEducation in Africa cannot wait!“, evento dedicato alla presentazione dell’Education Outcomes Fund per l’Africa e il Medio Oriente (EOF) promosso dalla Education Commision dell’ex premier inglese Gordon Brown e dal Global Steering Group for Impact investment (GSG), il network mondiale degli investimenti che, oltre al rendimento, scommettono sul cambiamento e sulla risposta ai bisogni sociali emergenti. A presentare l’iniziativa Amel Karboul, CEO dell’EOF ed ex Ministro nel Governo della Tunisia.

Nel Medio Oriente e nel Nord Africa, solo la metà dei bambini e dei giovani raggiunge un livello minimo di capacità di lettura e di calcolo, e nell’Africa sub-sahariana la percentuale è inferiore al 20%. Senza un significativo incremento dei finanziamenti, entro il 2030 saranno negate le competenze di base a circa un miliardo di bambini in tutto il mondo, ponendo una grande minaccia alla prosperità e alla sicurezza globale. Rispondere a questa urgenza rappresenta una sfida prioritaria a livello globale, riconosciuta anche dall’ONU come quarto tra i Sustainable Development Goals.

L’obiettivo di questa grande operazione di finanza ad impatto innanzitutto è quella di frenare l’emergenza educativa in Africa e Medio Oriente lavorando insieme ai Governi e alle organizzazioni della Società Civile per rafforzare il sistema dell’istruzione individuando interventi e modelli che producano risultati tangibili.
L’Outcome Fund costituisce un nuovo modello di partnership pubblico-privato, basato sullo schema del Pay by Result, che coinvolge donatori, investitori, organizzazioni della società civile, agenzie di sviluppo e governi attorno ad una programmazione strategica e condivisa basata su uno specifico obiettivo sociale da raggiungere collegato al rendimento dei capitali investiti.

L’evento romano sarà l’occasione per scoprire uno degli strumenti più innovativi e recenti nel panorama dell’impact investing e confrontarsi sul suo utilizzo anche nel nostro paese: Emanuela Del Re – Vice Ministra del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione InternazionaleCarlo Borgomeo – Presidente Fondazione CON IL SUD e Impresa Sociale Con i Bambini, Patrizia Grieco – Presidente Enel, Giovanna Melandri – Presidente Human Foundation e Social Impact Agenda per l’Italia, Lapo Pistelli – Vicepresidente Eni e Francesco Profumo – Presidente Compagnia di San Paolo, moderati da Elena Casolari – Presidente Opes – LCEF, ne discuteranno a Palazzo Giustiniani il 3 aprile dalle 16.30.

Scarica qui il programma dell’evento.

Leggi l’editoriale di Giovanna Melandri su Vita.

#impinv4Africa

Si ricorda che le opinioni e i contenuti espressi nell’ambito dell’iniziativa sono nell’esclusiva responsabilità dei proponenti e dei relatori e non sono riconducibili in alcun modo al Senato della Repubblica o ad organi del Senato medesimo. Per gli uomini è d’obbligo la giacca e la cravatta

Per i giornalisti sarà necessario accreditarsi all’Ufficio stampa del Senato all’indirizzo mail: accrediti.stampa@senato.it

Ufficio Stampa: Elis Viettone – comunicazione@socialimpactagenda.it – 0663243000